Calatabiano cultura e storia

Il comune di Calatabiano è posto a 62 metri d’altitudine, a meno di 3 chilometri dal mare Ionio, delimitato a nord dal corso del fiume Alcantara, ed a sud dal mare, dista 42 chilometri da Catania e 58 chilometri da Messina.

La storia di Calatabiano è strettamente collegata a quella del suo castello, che si erge su un’altura a 160 metri d’altitudine, all’imboccatura meridionale della Valle dell’Alcantara, una fortezza già presente in epoca greca e forse addirittura sicula. Il castello, nella sua conformazione attuale, con l’annesso borgo collinare cinto da mura merlate, fu fondato dagli Arabi, che proprio dal territorio di Calatabiano si mossero nel 902 d.c. alla conquista di Taormina.

Da visitare anche la Chiesa dell SS. Crocifisso, edificata nel 1484 da Giovanni Cruyllas II, nello stile “tardo-gotico”. Prende l’attuale nome dal culto del SS. Crocifisso a cui è stato dedicato il crocifisso ligneo di Giovanni Salvo d’Antonio, oggi presso l’altare maggiore della Chiesa Maria SS. Annunziata. È più nota, però, come Chiesa di San Filippo sia perché conserva l’antico simulacro del Santo Siriaco, posto lì durante la dominazione di Ferdinando Gravina, sia perché è luogo di partenza della tradizionale “Calata”.

GLI ITINERARI DEL BORGO

ESCURSIONI NATURALISTICHE SULL’ETNA

L’Etna, con suoi 3350 mt, è il vulcano attivo più alto d’Europa; è un vulcano molto giovane, la sua età è stimata intorno ai 600.000 anni. La sua “giovinezza” fà si che abbia molte energie e molta attività. Dal 1987 è Parco Nazionale e dal 2013 Patrimonio Unesco. Antico Borgo Etneo organizza escursioni giornaliere avvalendosi di una esperta guida vulcanologica e naturalistica. Le molteplici escursioni vengono concordate con gli ospiti in relazione alle loro capacità fisico-escursionistiche ed ai loro desideri. Si va da escursioni impegnative, che richiedono anche un’adeguata attrezzatura, ad escursioni di medio impegno a quelle più facili adatte anche ai bambini. L’itinerario viene discusso e concordato in anticipo, in genere o la sera prima o durante la colazione.

La partenza avviene dall’agriturismo a bordo di fuoristrada, necessario se si vuole visitare il bordo della Valle del Bove (antica caldera dell’Etna) dal lato Nord.

Nel corso delle escursioni si possono visitare: il bordo della Valle del Bove lato Sud, con vista mozzafiato della stessa (dislivello da superare 250 mt.); alcuni crateri secondari e la colata dell’ultima più importante eruzione del 2002 (dislivello da superare 300 mt.); una grotta vulcanica (con attrezzatura fornita dall’organizzazione); una foresta di betulle endemiche dell’Etna e tanto altro.

Per gli escursionisti esperti discesa e risalita in Valle del Bove.

La durata dell’escursione non ha limiti di tempo, tuttavia l’orario di rientro in genere è previsto intorno alle 17. Tutte le escursioni si effettuano nella zona altimetrica che va dai 1700 ai 2400 mt. di altitudine, sia sul versante Sud, che sul versante Nord Ovest.

Per chi volesse raggiungere quote più alte, Antico Borgo Etneo, in convenzione con la Società Funivia dell’Etna, organizza escursioni con funivia fino a 2500 mt. e bus 4×4 dai 2500 ai 2900 mt. Dopo tale quota, nei giorni in cui è consentito (spesso esiste il divieto in occasione di attività del cratere principale) si può raggiungere la “Bocca Nuova” a 3250 mt. che è uno dei quattro crateri sommitali, accompagnati da guida con un costo extra. Chiedendo l’apposito coupon alla reception la società della Funivia offre ai partecipanti, alla stazione di arrivo, un sandwich o pizza e bibita, caffè o cappuccino.

ITINERARIO MEDIEVALE

Partendo dal Borgo, seguendo la S.S. 120 (strada del vino) dopo 32 Km si raggiunge il paese di Randazzo.

Questo paese vanta un singolare primato, il suo territorio è incluso in tre Parchi: il Parco dell’Etna, il Parco dei Nebrodi ed il parco fluviale dell’Alcantara. Randazzo si trova a 750 mt. di altitudine, ed è l’unico paese etneo che ha parzialmente mantenuto il suo antico tessuto medievale. Da Randazzo ci si dirige a Nord seguendo la S.S. 116 fino a valicare i Monti Nebrodi al bivio Favoscuro,e da qui si comincia a scendere verso Montalbano Elicona seconda tappa del percorso medievale (33 km da Randazzo).

Da non perdere la Chiesa Normanno- Sveva del XIII sec. di Santa Maria, costruita con cicloplici conci di basalto; il centro storico con la pittoresca Via degli Archi e la Chiesa di San Martino.

Montalbano Elicona si trova a 900 mt. di altitudine, vanta un castello federiciano del XIII sec. recentemente ristrutturato (visita € 3,00), il castello è circondato da un intricato quanto pittoresco dedalo di viuzze

Il paese di Montalbano fa parte del circuito dei “Borghi più belli d’Italia” ed è stato proclamato “Borgo dei Borghi 2015”.

ITINERARIO PELORITANO

Comprende la visita alla Chiesa Basiliana del SS. Pietro e Paolo (25 km dal Borgo), vero gioiello dell’architettura Arabo – Bizantino – Normanna, gli scorci pittoreschi han fatto si che Savoca sia stato il set del film “Il Padrino” di Francis F. Coppola e Forza d’Agrò.

 

Visiteremo la Chiesa Basiliana del SS. Pietro e Paolo (25 km dal Borgo), vero gioiello dell’architettura Arabo – Bizantino – Normanna. La Chiesa si trova nella Valle d’Agrò e per raggiungerla si deve attraversare l’omonima fiumara, in secca durante l’estate. La Chiesa può anche essere raggiunta dal paesino di Casalvecchio Siculo.

Il paese d’arte di Savoca è un tipico paese dei Monti Peloritani, posto a 300 mt. di altitudine da cui si gode un meraviglioso panorama della costa ionica e della Calabria. Gli scorci pittoreschi han fatto si che Savoca sia stato il set del film “Il Padrino” di Francis F. Coppola.

Un altro paese medievale di grande fascino è Forza d’Agrò a 430 mt. di altitudine a picco sul mare da quale si godono sorprendenti paesaggi della costa, del mare di Taormina e della Calabria.

Il centro di Forza d’Agrò ha mantenuto l’antico tessuto medievale.